Requisiti di pulizia e configurazione dei componenti, come trovare un punto di incontro per la scelta di un impianto di lavaggio

Il miglior impianto industriale per il lavaggio dei metalli è quello che permette di raggiungere i requisiti di pulizia rispettando la configurazione dei componenti trattati.

Il concetto di configurazione dei componenti riguarda:

  • il livello di complessità della geometria delle parti;
  • la tipologia di materiale con cui le parti sono realizzate;
  • la quantità e il tipo di contaminanti da rimuovere.

Affrontare il fattore “requisiti di pulizia” analizzando in modo più approfondito i contaminanti

Per raggiungere i risultati di pulizia prefissati (secondo gli standard di ogni settore industriale) è doveroso studiare i contaminanti presenti sulla superficie dei componenti metallici.

In linea di massima le particelle di contaminanti hanno una dimensione estremamente piccola.

Granelli di polline e altri residui simili hanno un diametro di circa 30 micron ma esistono alcune particelle di sporco che presentano un diametro di 15 micron o meno.

Sulla base di questa informazione va scelto un sistema di filtraggio appropriato che permette di ridurre la quantità di queste particelle contaminanti, in particolare quelle che si depositano o si ridepositano sui componenti.

Umidità, forze capillari ed i fluidi utilizzati per la lavorazione dei metalli favoriscono il verificarsi di questa condizione.

Secondo certi dati ufficiali, il numero massimo di particelle con una dimensione uguale o inferiore a 25 micron è stato ridotto di un fattore pari a dieci, ma non tutte le aziende riescono a rispettare questo requisito a causa della difficoltà di reperire materiali alternativi che possono essere utilizzati nel durante le diverse lavorazioni.

Per limitare la quantità di contaminanti è necessario agire sulla fonte stessa di contaminazione e fare tutto il possibile per ridurla.

 

Chi/che cosa è responsabile delle particelle di contaminanti

Le particelle di contaminanti sono spesso prodotte dai processi di lavorazione a monte, vedi la molatura, la sabbiatura e la lucidatura.

In questi casi l’agente pulente dovrà essere rispettoso della lega metallica del componente trattato e, allo stesso tempo, dovrà essere energico nel rimuovere i contaminanti dalla superfice senza alterarla, preparando il componente ad altre lavorazioni non abrasive come i trattamenti a caldo e la saldatura.
Spesso queste attività fanno parte delle lavorazioni primarie del processo di produzione dei componenti, dunque non possono essere eliminate: gestire il livello di residui prodotti è l’unica soluzione.

È possibile individuare altre “fonti di produzione di particelle” legate all’ambiente di lavaggio dei componenti:

  • condotti di aereazione che si trovano vicino all’impianto di lavaggio;
  • la vicinanza ad altre postazioni di lavoro dove vengono eseguite operazioni che a loro volta producono residui e polveri;
  • la presenza di sporco nell’ambiente dove i componenti vengono conservati;
  • lo spostamento dei componenti da area di pulizia verso aree di test.

Infine, possono esserci delle inadeguatezze nei processi produttivi, quelli di test o nell’ambiente stesso.

Pensiamo ad esempio ad un laboratorio dove il sistema di ventilazione non è adeguato e che si trova vicino alle macchine utilizzate nel processo produttivo. Il rischio di contaminazione dei componenti con residui di sporco e altre particelle simili cresce quando il personale che esegue i vari test non indossa, oltre ai guanti, abbigliamento adeguato e sterile.

 

Impianti di lavaggio ad acqua ed impianti di lavaggio a solvente: cosa cambia quando l’azienda ha bisogno di trattare componenti diversi

Negli impianti di lavaggio che sfruttano la tecnologia ad acqua, l’agente di lavaggio viene scelto in base al tipo di metallo, per essere sicuri di utilizzare il prodotto corretto in termini di acidità, neutralità ed alcalinità.

Tutto procede per il “verso giusto” quando la tipologia di metallo trattata è una sola.
Quando emerge la necessità di lavare componenti di materiali diversi emergono diverse incompatibilità e problemi come quello della corrosione sono dietro l’angolo.

Per esempio, per pulire i componenti oggetto di molatura al detergente a matrice acquosa vengono aggiunti specifici additivi che modificano la superficie dei metalli.

Purtroppo, spesso gli additivi aggiunti rendono il detergente troppo aggressivo.

Utilizzati in modo corretto invece i solventi risultano compatibili con tutti i tipi di metalli.

L’uso di solventi è fortemente consigliato:

  • quando le parti presentano geometrie complesse e dimensioni ridotte: grazie alla minore viscosità e alla bassa tensione superficiale penetra negli spazi più stretti eliminando lo sporco ed evaporando alla fine della pulizia;
  • per ridurre il problema dell’umidità proprio dei detergenti acquosi che aumenta le probabilità di corrosione quando il pezzo non viene asciugato adeguatamente;
  • per ridurre il rischio di contaminazione batterica (da tenere particolarmente sotto controllo quando i componenti sono destinati al settore medico).

L’azienda deve pertanto:

  1. come l’impianto di lavaggio oggetto di valutazione pulisce le parti metalliche ed ottimizzare l’ambiente circostante di conseguenza;
  2. assicurarsi che lo stesso impianto permetta sia in grado di garantire un risultato finale di pulizia che incontra gli standard di settore e, ovviamente, le esigenze del cliente.

Vuoi conoscere meglio le proposte di impianti di lavaggio a solvente di FIRBIMATIC? Richiedi una consulenza