Firbimatic Spa

I più Alti Standard di Pulizia Richiesti dalla Norma ISO 16232-10

Perché gli Impianti Firbimatic sono Ideali per Soddisfare i Più Alti Standard di Pulizia Richiesti dalla Norma ISO 16232-10

— 04 / 07 / 2024 Gli impianti Firbimatic sono particolarmente adatti rispetto ai rigorosi standard di pulizia imposti dalla norma ISO 16232-10 per diversi motivi. La ISO 16232-10 fa parte di una serie cruciale di standard nell'industria automobilistica che si concentra sulla pulizia dei componenti utilizzati nei veicoli. La norma specifica in particolare l'espressione dei risultati per i test di pulizia, mirante a garantire una segnalazione e un'interpretazione coerente dei livelli di contaminazione.
 

1. Ingegneria di Precisione

Firbimatic progetta e produce sistemi di pulizia con ingegneria di precisione che garantisce la completa rimozione dei contaminanti. Questa precisione è essenziale per soddisfare i requisiti specifici di pulizia delineati nella norma ISO 16232-10, che richiede misurazioni accurate espresse in termini di massa o conteggio di particelle per unità di area o volume.
 

2. Tecnologie di Pulizia Avanzate

Le tecnologie avanzate impiegate negli impianti Firbimatic, come la pulizia ad ultrasuoni e i sistemi di filtrazione, sono estremamente efficaci nel raggiungere e mantenere i livelli di pulizia secondo gli standard ISO. Queste tecnologie aiutano a categorizzare le dimensioni delle particelle in classi (spesso in micrometri) per valutare la distribuzione dei contaminanti, un elemento chiave della ISO 16232-10.
 

3. Soluzioni Personalizzabili

Firbimatic offre soluzioni di pulizia personalizzabili adattate alle esigenze uniche delle applicazioni automobilistiche e industriali. Questa flessibilità consente ai produttori di soddisfare criteri rigorosi di pulizia senza compromessi. ISO 16232-10 distingue tra diversi tipi di particelle, come metalliche, non metalliche e fibre, e i sistemi Firbimatic sono progettati per affrontare efficacemente queste variazioni.
 

4. Affidabilità e Coerenza

Gli impianti Firbimatic sono rinomati per la loro affidabilità e coerenza nelle prestazioni di pulizia. Questa affidabilità garantisce che gli standard di pulizia siano costantemente rispettati nel tempo, in linea con i requisiti della norma ISO 16232-10. La norma specifica i metodi corretti per la raccolta dei campioni per garantire la riproducibilità, che gli impianti Firbimatic supportano attraverso il loro robusto e funzionale design.
 

5. Supporto Completo

Firbimatic fornisce un supporto completo ai clienti, comprensivo di formazione, manutenzione e assistenza tecnica continua, per garantire prestazioni ottimali e conformità agli standard di pulizia ISO. Questo supporto è cruciale per interpretare accuratamente i risultati, come comprendere i livelli di contaminazione, il conteggio delle particelle, la distribuzione delle dimensioni e i tipi di contaminanti.
Integrando le soluzioni Firbimatic nei processi produttivi, i produttori automobilistici possono rispettare le linee guida della norma ISO 16232-10 garantendo i migliori risultati di pulizia. Questo impegno assicura prestazioni migliorate, affidabilità e qualità complessiva dei componenti automobilistici, stabilendo nuovi standard di pulizia ed eccellenza nell'industria.

Espressione dei Risultati delle Misurazioni di Pulizia
Lo scopo della norma ISO 16232-10 è stabilire le regole per presentare i risultati delle misurazioni della pulizia particellare per i componenti dei circuiti fluidi dei veicoli a motore. Questa norma introduce anche un sistema di codifica della pulizia per facilitare la segnalazione e la comunicazione dei dati di contaminazione particellare.
La contaminazione particellare, misurata nel volume totale del fluido di estrazione utilizzato nei metodi descritti nella serie ISO 16232, è quantificata in base a:
  • Componenti individuali
  • Una superficie di riferimento di 1.000 cm² di superficie bagnata di un componente
  • Un volume di riferimento di 100 cm³ di volume bagnato di un componente
I livelli di contaminazione possono essere espressi dalla massa totale, dalla distribuzione delle dimensioni delle particelle (numero di particelle per classe di dimensioni), eventualmente combinati con la natura delle particelle o dalla dimensione della particella più grande trovata. I dati possono anche essere combinati, ad esempio massa totale e dimensione della particella più grande. I livelli di pulizia devono essere confrontati solo se espressi nelle stesse unità di misura, ovvero per 1.000 cm² di superficie bagnata o 100 cm³ di volume bagnato.
Espressione dei Risultati dell’Analisi della Distribuzione delle Dimensioni delle Particelle – Codice di Pulizia dei Componenti (CCC)
Dopo aver eseguito i test di pulizia e contaminazione e analizzato il filtro su cui si sono depositate le particelle di contaminante, si può esprimere il CCC (Codice di Pulizia dei Componenti).
Il CCC è scritto come una sequenza racchiusa tra parentesi e separata da barre, costituita da coppie alfanumeriche che specificano varie classi di dimensioni e i loro livelli di contaminazione. Le lettere maiuscole A o V prima delle parentesi si riferiscono al volume bagnato del componente.
Ad esempio, un CCC potrebbe essere:
CCC = A (G8/H7/I5/J/K00)
Dove:
  • A = il codice di pulizia si riferisce a un dato volume bagnato
  • G, H, I, J, ..., K = classi di dimensioni delle particelle
  • 8, 7, 5, ..., 00 = livelli di contaminazione per ciascuna classe di dimensioni
Esistono tabelle per le classi di dimensioni delle particelle e i livelli di contaminazione, che indicano il numero di particelle presenti sul filtro per ciascuna classe dimensionale.
Una caratteristica distintiva di questa norma è la differenziazione tra doppio zero (00) e singolo zero (0). Il doppio zero indica l'assenza totale di particelle, mentre il singolo zero indica una presenza frazionaria di particelle su più campioni. La mancata comprensione di questa distinzione può portare a errori, come accaduto quando un cliente ha segnalato erroneamente un rapporto a causa della mancata familiarità con la norma.

Espressione dei Livelli di Contaminazione
I livelli di contaminazione possono essere espressi in vari modi, utilizzando le classi dimensionali delle particelle e i livelli di contaminazione. I livelli possono riferirsi all'intero intervallo dimensionale, indicando tutte le classi, o solo a specifiche classi con risultati. Le classi consecutive con lo stesso livello di pulizia sono raggruppate nel codice. Quando si fa riferimento a un intervallo dimensionale più ampio, la codifica segue una logica diversa come dettagliato nella norma. Per ulteriori dettagli, fare riferimento alla norma completa.
Ricorda, il doppio zero “00” indica l'assenza di particelle, mentre il singolo zero “0” rappresenta conteggi di particelle tra 0 e 1.
 

Vuoi saperne di più?

Informativa

Noi e terze parti selezionate (come ad esempio Google, Facebook, LinkedIn, ecc.) utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come ad esempio per mostrati annunci personalizzati e non personalizzati più utili per te, come specificato nella cookie policy.
Chiudendo questo banner con la crocetta o cliccando su "Rifiuta", verranno utilizzati solamente cookie tecnici. Se vuoi selezionare i cookie da installare, clicca su "Personalizza". Se preferisci, puoi acconsentire all'utilizzo di tutti i cookie, anche diversi da quelli tecnici, cliccando su "Accetta tutti". In qualsiasi momento potrai modificare la scelta effettuata.